Android malware BRATA svuota il conto in banca

Android malware BRATA svuota il conto in banca

Android malware BRATA svuota il conto in banca

Gli smartphone ce li hanno miliardi di persone

molte delle quali sono un po’ in balìa dei loro dispositivi

e non dispongono degli strumenti per riconoscere un pericolo.

In altre parole,  Il malware BRATA è sbarcato anche in Italia.

è bene avvertire gli utenti meno esperti

 

In altre parole l’attacco del malware BRATA comincia con la ricezione di un SMS che simula

una provenienza bancaria e contiene un immancabile link a un sito web.

 

Se la vittima ci casca, e clicca sul link, comparirà a schermo la richiesta di scaricare

una presunta “app anti-spam”, con la precisazione che un assistente bancario

si metterà in contatto con lei per discutere i dettagli della questione.

Android malware BRATA svuota il conto in banca

Fonte

Android malware BRATA svuota il conto in banca

 

In altre parole, Una volta installata l’app, il malware BRATA avrà campo libero per poter

fare il suo lavoro, ottenendo un enorme controllo sul telefono

potrà infatti intercettare gli SMS ed inoltrarli a un server C2, registrare lo schermo

e trasmetterne il contenuto ai malintenzionati

 

disinstalla applicazioni che lo intralciano come gli antivirus, disinnesca

Google Play Protect per non essere segnalato in qualità di app sospetta

interviene sulle impostazioni del dispositivo in modo da garantirsi tutti i privilegi

di cui ha bisogno, riuscendo anche a sbloccare il Device

 

In conclusione, il Malware BRATA ha anche un “tasto per l’autodistruzione”: può infatti

anche far perdere le sue tracce rimuovendosi dal dispositivo che lo ospita in modo

da ridurre le chance di essere rilevato.

 

Una minaccia a tutti gli effetti, dal momento che la quantità di informazioni cui riesce ad

attingere, e riesce ad arrivare sui conti in banca delle vittime, ad esempio, con gli hacker

che a quel punto possono cominciare ad autorizzare pagamenti aggirando

la protezione dell’autenticazione a due fattori.

AMCOMPUTERS