Batterie al fluoruro per Smartphone con 7 giorni di durata

Batterie al fluoruro per Smartphone con 7 giorni di durata

Batterie al fluoruro per Smartphone con 7 giorni di durata

Un nuovo studio condotto da una serie di enti accademici, come CalTech e il Jet Propulsion Lab della NASA, ha fatto riferimento che le batterie basate sugli anioni di fluoro (fluoruro) potrebbero durare circa 8 volte in più rispetto alle classiche a ioni di litio.

Questo significa che uno smartphone potrebbe arrivare ad avere fino a una settimana di autonomia.

I ricercatori hanno annunciato una nuova svolta della batteria che si concentra sul “negativo”. Piuttosto che usare il litio, l’elemento più elettro-positivo sulla tavola periodica, hanno usato il fluoruro, il più elettro-negativo.

Può immagazzinare più energia del suo “simile” al litio ma, fino ad ora, le batterie avevano bisogno di scaldarsi a 150 gradi o più

Gli scienziati Honda, Caltech e NASA hanno scoperto un modo per farlo funzionare a temperatura ambiente, che potrebbe alla fine produrre batterie più ad alta densità e sicure per le auto elettriche e altri dispositivi (come ad esempio smartphone e tablet).

Batterie al fluoruro per Smartphone con 7 giorni di durata

Fonte

Batterie al fluoruro per Smartphone con 7 giorni di durata

la ricerca ha fornito anche delle spiegazioni: il sistema di funzionamento delle batterie si basa semplicemente sullo spostamento frenetico di atomi con carica (detti ioni) positiva verso quelli con carica negativa e viceversa.

Il percorso compiuto per tale spostamento produce elettricità che viene a sua volta accumulata dalla batteria.

L’utilizzo di questo nuovo materiale, il fluoruro, permette di aumentare la quantità di atomi (8 volte in più) rispetto a quelli presenti nel Litio.

Questo perché lo spostamento dei predetti ioni avviene con un processo inverso: dal polo negativo si passa a quello positivo.

Infine, spiega Simon Jones, nell’ultimo periodo è stato rintracciato anche un liquido che migliora la stabilità del fluoruro (BTFE), permettendo a quest’ultimo di lavorare finalmente a basse temperature.

AMCOMPUTERS

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Lascia un commento