Come prendere la Patente per pilotare i Droni

Come prendere la Patente per pilotare i Droni

Come prendere la Patente per pilotare i Droni

Negli ultimi anni i droni, sono diventati strumenti

sempre più popolari tra gli appassionati di volo

tanto da richiedere la stesura di una normativa sul loro utilizzo

che prevede il conseguimento di un apposito attestato

(chiamato anche, in maniera colloquiale ma errata, patentino)

per poterli pilotare i Droni

Se anche tu hai deciso di entrare nel fantastico mondo dei droni

ti conviene leggere questa guida per avere tutte le informazioni

sui casi in cui è obbligatorio possedere la patente per pilotare i droni

Come prendere la Patente per pilotare i Droni

Fonte

Come prendere la Patente per pilotare i Droni

In altre parole, I droni sono dei piccoli aeromobili a pilotaggio remoto capaci di volare

nello stesso  spazio aereo che usano anche aerei ed elicotteri.

Tuttavia, Se utilizzati male, possono arrecare danni a cose o a persone o violare la privacy

per questo, è opportuno che i loro piloti dimostrino di essere in grado di manovrarli.

Acquisendo un attestato, secondo le modalità previste dalla legge.

 

L’ente preposto al rilascio della licenza per la guida del drone è lo stesso che si occupa

di tutto ciò che riguarda l’ambito dell’aviazione civile

cioè l’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile).

Tuttavia, Secondo la normativa, i droni rientrano nella definizione di aeromobili

e sono quindi assoggettabili al Codice della Navigazione.

 

Come prendere la Patente per pilotare i Droni

L’ENAC, in recepimento di tale codice, ha stilato un proprio regolamento che si occupa

di regolamentare tutti gli aspetti dell’utilizzo dei droni, definendone modalità e limitazioni.

Il regolamento è consultabile direttamente sul sito web dell’ENAC.

Le categorie principali sono due:

 

  • aeromobile a pilotaggio remoto (aeromodello);
  • Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto (SAPR).

 

Nella categoria degli aeromodelli rientrano tutti quei droni che vengono utilizzati a scopo

ludico e non hanno bisogno di alcuna Patente per pilotare i Droni

Solitamente, il loro peso non supera i due chilogrammi e possono raggiungere una velocità

massima di 60 chilometri orari.

 

I droni APR e SAPR, invece, sono quelli che vengono utilizzati per scopi professionali

e sono assoggettati al Codice della Navigazione.

Essi si dividono in altre 3 categorie per ognuna delle quali è necessario seguire

un corso di abilitazione e ottenere un patentino:

 

  • droni al di sopra dei 25 kg;
  • peso compreso tra 4 e 25 kg;
  • da 300 grammi a 4 kg.

 

la Patente per pilotare i Droni Secondo il regolamento stilato dall’ENAC

gli unici abilitati a tenere i corsi di formazione

e a rilasciare le varie certificazioni per la guida dei droni sono i Centri di Addestramento

autorizzati in possesso di un certificato di autorizzazione rilasciato dall’ente stesso.

Possono diventare piloti di droni tutti coloro che abbiano compiuto 18 anni e siano

in possesso delle capacità psicofisiche idonee.

 

Per pilotare i droni Il pilota si assume la responsabilità di far volare il drone in sicurezza

pertanto deve avere tutte le capacità per farlo.

Grazie al patentino, che attesta l’idoneità di chi lo ha ottenuto a pilotare i mezzi aerei

a pilotaggio remoto, è possibile utilizzare il drone per scopi professionali

per la guida a distanza, per realizzare una fotogrammetria, e molto altro ancora.

AMCOMPUTERS

[Voti: 1   Media: 5/5]

Lascia un commento