Facebook arriva Lo strumento educativo contro le notizie false

Facebook arriva Lo strumento educativo contro le notizie false

Facebook arriva Lo strumento educativo contro le notizie false

Dopo aver annunciato a più riprese l’importanza di combattere la diffusione online delle notizie false, Facebook compie un importante passo introducendo uno vero e proprio vademecum per aiutare i propri utenti a identificare e arginare le fake news.

Lo strumento educativo contro la disinformazione, sarà disponibile per alcuni giorni in 14 paesi e sarà visibile sulla parte alta della pagina, dove inizia il flusso di notizie di Facebook. La guida comprende 10 consigli su come individuare le notizie false, che vanno dalla verifica delle fonti, al controllo dell’URL, passando all’attenzione per titoli, immagini e formattazione.
É importante verificare anche se ci sono delle testimonianze attendibili collegate alla notizia pubblicata. Una vera e propria campagna con cui Facebook spera di frenare la diffusione delle fake news.

Facebook arriva Lo strumento educativo contro le notizie false

Fonte Google

Facebook arriva Lo strumento educativo contro le notizie false

Le notizie false e le bufale – continua – sono pericolose per la nostra comunità e rendono il mondo un luogo meno informato. Tutti noi spiega abbiamo la responsabilità di frenarne la diffusione. Abbiamo lavorato consultandoci preventivamente con First Draft, un’associazione non profit dedicata a migliorare la capacità e la metodologia utilizzata per segnalare e condividere informazioni online. In Facebook, aggiunge Mosseri, ci siamo concentrati su tre aree chiave l’interruzione delle possibilità di guadagno, perché gran parte delle notizie false derivano dalla volontà di trarne profitto; sulla costruzione di nuovi prodotti per frenare la diffusione di notizie false e migliorare la diversità di informazione; e aiutare le persone a prendere decisioni più informate quando si trovano davanti a delle notizie false.

Facebook non è sola in questa battaglia. Quasi tutti i grandi dell’hi-tech – tra cui figurano anche Google, Apple e Wikipedia, hanno deciso di scendere in campo per frenare la diffusione delle notizie false.

AMCOMPUTERS

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Lascia un commento