ToothPic: Autenticazione a due fattori Tutta Italiana

ToothPic: Autenticazione a due fattori Tutta Italiana

ToothPic: Autenticazione a due fattori Tutta Italiana

La protezione degli account web la posta elettronica

quelli sui social e quelli che riguardano il lavoro

è diventata ormai di fondamentale importanza per tutti gli utenti.

Tuttavia, I tentativi di furto di informazioni personali sono infatti

in costante crescita ed è indispensabile

 

mettere in atto tutte quelle contromisure che consentano di complicare o, ancor meglio

rendere impossibile  la vita dei cybercriminali.

 

In altre parole, Una delle azioni più semplici ed efficaci che possano essere attuate è quella

di attivare l’autenticazione a due fattori.

 

Inoltre, In questo modo, infatti, la sola password non sarà più sufficiente per accedere

al nostro profilo social o alla casella di posta elettronica.

 

Tuttavia, Si dovrà utilizzare un secondo codice d’accesso, generato in maniera casuale

da un sistema centralizzato o da un’app, per poter chattare

con gli amici o leggere le email ricevute.

ToothPic: Autenticazione a due fattori Tutta Italiana

Fonte

ToothPic: Autenticazione a due fattori Tutta Italiana

 

In altre parole, ToothPic: Autenticazione a due fattori Tutta Italiana

Fondata da Enrico Magli, Diego Valsesia, Giulio Coluccia e Tiziano Bianchi ricercatori e

professori del Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni del Politecnico di Torino

 

Tuttavia, Già nel 2019, riceve un prestigiosissimo premio dall’IEEE Computer Society

per il miglior articolo scientifico pubblicato nel corso dell’anno precedente.

L’autenticazione a due fattori secondo ToothPic

 

In altre parole, A differenza di altre soluzioni di verifica in due passaggi, che sfruttano

sistemi informatici per la creazione di codici numerici in maniera randomica

 

Inoltre, ToothPic fa affidamento sulla “firma nascosta” che ogni sensore fotografico

dello smartphone lascia su foto e video.

 

ToothPic: Autenticazione a due fattori Tutta Italiana

Una vera e propria impronta digitale elettronica che, di fatto, consente di identificare

in maniera univoca il dispositivo e impossibile da replicare o hackerare per chiunque.

 

In conclusione, ToothPic ha ideato, sviluppato e brevettato un metodo per “trasformare”

il sensore della fotocamera digitale in una vera e propria macchina crittografica.

 

Tuttavia, Sfruttando le microimperfezioni della fotocamera, invisibili e inclonabili

ToothPic è in grado di codificare e decodificare le password ai nostri profili web personali

trasformando il dispositivo mobile in una chiave d’accesso univoca e facilmente utilizzabile.

AMCOMPUTERS

[Voti: 1   Media: 5/5]

Lascia un commento