Windows 10 1709 Fall Creators Update disponibile

Windows 10 1709 Fall Creators Update disponibile

Windows 10 1709 Fall Creators Update disponibile

Microsoft ha appena annunciato che la distribuzione del nuovo feature update di Windows 10 partirà oggi alle 19:00 ora italiana. Si chiama Fall Creators Update. Si può considerare, come suggerisce il nome, come il completamento del Creators Update uscito questa primavera: alcune delle novità rimandate a quel tempo compaiono qui, come la funzionalità Persone; altre sono finalmente mature e pronte all’uso, come la Windows Mixed Reality.

Se a livello di novità macroscopiche è forse l’update meno corposo finora, il costante e dettagliato lavoro di rifinitura portato avanti da Microsoft lascia la sensazione di trovarsi davanti a un sistema operativo che ha ormai raggiunto definitivamente la maturità. La fluidità è migliorata, e sono sempre meno le imperfezioni grafiche e le inconsistenze di design che si incontrano durante il normale utilizzo.

In questo articolo raccogliamo tutte le novità principali e secondarie, e vi segnaliamo alcuni dei fix più importanti. Per chi ha fretta e cerca informazioni su un’area specifica, abbiamo preparato un comodo indice. Per tornare all’inizio basta premere il pulsante Back del browser

Windows 10 1709 Fall Creators Update disponibile

Fonte

Windows 10 1709 Fall Creators Update disponibile

Windows 10 1709 Fall Creators Update disponibile

Come si installa e info tecniche

Prima di iniziare, rispondiamo subito ad alcune domande pratiche; in particolare come installarlo e quando arriverà. Con Windows 10, Microsoft ha adottato un sistema di distribuzione degli aggiornamenti a scaglioni. Questo minimizza l’impatto di eventuali bug gravi mai emersi prima, e permette alla società di reagire più rapidamente in caso di problemi.
Ciò significa che l’aggiornamento sarà disponibile da oggi, questo sì, ma potrebbero volerci svariate settimane – anche un paio di mesi – prima che arrivi a chiunque. Come per tutti gli altri update, quando sarà disponibile comparirà automaticamente una notifica nel Centro Notifiche; l’installazione si potrà eseguire attraverso Windows Update.

Come velocizzare l’aggiornamento

È possibile forzare la ricerca di aggiornamenti su Windows Update da Impostazioni (Aggiornamento e sicurezza > Windows Update), ma questo sistema non ha sempre esito positivo. In alternativa, è possibile procedere con qualche software aggiuntivo – sempre di Microsoft, s’intende.

Scaricare sia l’Assistente Aggiornamento, che forzerà l’installazione dell’ultima versione possibile del sistema, sia il Media Creation Tool che permette di eseguire una cosiddetta “installazione pulita” tramite ISO. Quest’ultima è da considerarsi l’opzione più “estrema” – permette di partire con il sistema come se fosse appena uscito dalla fabbrica, ma è il più lungo e laborioso, e si rischia di perdere qualche dato personale.

Come ritardare l’aggiornamento

Tutte le prime versioni di un grosso aggiornamento, indipendentemente dal software e dalla piattaforma, sono particolarmente soggette a bug – a volte anche gravi. Perciò Microsoft offre agli utenti più prudenti con Windows 10 Pro la possibilità di aspettare qualche settimana che il sistema si stabilizzi.
Basta andare in Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Windows Update > Opzioni Avanzate. Da qui può decidere per quanti giorni rimandare gli aggiornamenti delle funzionalità (fino a un anno intero), gli aggiornamenti di sicurezza (fino a un mese), oppure sospenderli tutti quanti per 35 giorni.

Windows Mixed Reality

Tecnicamente la Windows Mixed Reality era già disponibile da Windows 10 1703, ma è solo con il Fall Creators Update che fa il suo ingresso ufficiale sul mercato. Proprio oggi, tra l’altro, iniziano le vendite al dettaglio dei visori Windows Mixed Reality dei partner hardware di Microsoft, tra cui Dell, Samsung, Acer, ASUS e altri ancora – almeno negli Stati Uniti. In Italia non abbiamo ancora informazioni dettagliate da parte di Microsoft.

Windows Mixed Reality

Noterete la nuova app Portale realtà mista, tramite cui sarà possibile eseguire la shell VR studiata appositamente da Microsoft. Per eseguirla ci sono alcuni requisiti hardware da soddisfare, che verranno controllati automaticamente dall’applicazione al suo primo avvio. Per chi vuole partire preparato, ecco i dettagli, come riportato sul sito del supporto di Microsoft (in inglese); la versione condensata è che serve un PC piuttosto potente e recente.

AMCOMPUTERS

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Lascia un commento