Android Oreo ufficiale disponibile al download

Android Oreo ufficiale disponibile al download

Android Oreo ufficiale disponibile al download

Android O è finalmente disponibile al download per i primi dispositivi compatibili. Annunciato a marzo nel corso del keynote di apertura della conferenza dedicata agli sviluppatori Google I/O 2017, l’ultima release del sistema operativo mobile dell’azienda di Mountain View introduce tante novità che danno una sostanziale rinfrescata all’esperienza d’uso. Viene così posta la parola fine anche ai numerosissimi rumor sul nome ufficiale della release, un’occasione per dare libero sfogo alla fantasia degli appassionati tecnologici negli ultimi mesi.

La performance del proprio dispositivo mobile è ora ottimizzata sia nella gestione delle risorse che nel consumo della batteria. Sono stati introdotti nuovi limiti automatici a ciò che le applicazioni possono (e non possono) fare in background in tre categorie chiave: Servizi in Background, Aggiornamenti di Posizione e Implicit Broadcast. Queste modifiche consentiranno agli sviluppatori di realizzare app con impatti minimi sul dispositivo e la batteria.

Vuoi un telefono impermeabile, una batteria di lunghissima durata o una fotocamera in grado di scattare foto con luce scarsa? C’è un telefono Android per ogni esigenza.

Android Oreo ufficiale disponibile al download

Android Oreo ufficiale disponibile al download

 

Android Oreo ufficiale disponibile al download

Restrizioni per le app in background
Negli ultimi anni uno degli obiettivi principali di Google è stato quello di aumentare l’autonomia degli smartphone Android. In molti casi la colpa dell’elevato consumo di batteria è causato dalla scarsa ottimizzazione tra la parte software e quella hardware. Con Android Oreo, Google ha cercato di migliorare l’autonomia lavorando direttamente sulle app in background, ovvero sulle applicazioni che restano aperte anche se l’utente non le utilizza. Gran parte del consumo della batteria è causato proprio dalle app in background e con Android 8.0 Oreo Google ne ha limitato il “potere”. In questo modo le software house potranno sviluppare applicazioni meno “fameliche”.
Gestione delle notifiche
Dopo il lavoro di ristrutturazione avviato con Android Nougat, con Android 8.0 le notifiche cambiano completamente faccia. L’utente le potrà raccogliere all’interno di canali tematici, in modo da poterle gestire con più facilità. Inoltre, si potrà posticipare una notifica: se ad esempio su riceve un messaggio su WhatsApp si potrà decidere di silenziare la notifica per 15, 30 o 60 minuti.
API per l’auto-fills
L’auto riempimento è una delle funzionalità che utilizziamo ogni giorno ma che in pochi conoscono. Se quando entriamo in un servizio online che necessita di nome utente e password non inseriamo nulla perché il browser ce lo suggerisce in automatico è merito dell’auto riempimento. Con Android Oreo questa funzionalità troverà ancora maggior supporto e grazie alle API verrà estesa a quasi tutte le applicazioni e browser.
Picture-in-picture
Una delle funzionalità più richieste dagli utenti arriva con Android 8.0 Oreo. Stiamo parlando di Picture-in-picture, cioè della possibilità di utilizzare due app contemporaneamente. Il funzionamento è molto semplice: se ad esempio mentre si sta navigando con il browser si vorrà vedere anche un video su YouTube, basterà rimpicciolire la schermata della piattaforma di video in streaming e metterla in un angolo. Molto semplice e soprattutto utile.
Selezione del testo
Android Oreo integrerà anche una funzione per la selezione del testo che permetterà di aprire automaticamente le applicazioni. Se ad esempio si selezionerà un numero di telefono, si aprirà l’applicazione per i Contatti. Se, invece, si seleziona un indirizzo si attiva la navigazione sulle mappe.
Google Play Protect
Già disponibile da qualche settimana sul Play Store, il Google Play Protect approda ufficialmente su tutti gli smartphone con Android Oreo. Si tratta di un nuovo sistema che protegge il proprio smartphone da virus e malware. Il Google Play Protect scansiona oltre 50 milioni di applicazioni ogni giorno per controllare se ce ne siano alcune pericolose per il dispositivo dell’utente.
Emoji, emoji, emoji
Con Android 8.0 Oreo arriveranno 60 nuovi emoji che andranno a rimpiazzare le blobmoji.

[lwlWidget cod=”599ae63b92cde728665e0524″]

Fonte

AMCOMPUTERS

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Lascia un commento