Dove comprare Bitcoin e altre criptovalute in contanti

Dove comprare Bitcoin e altre criptovalute in contanti

Dove comprare Bitcoin e altre criptovalute in contanti

A meno che non si possieda un campo fotovoltaico da utilizzare a proprio piacimento, minare Bitcoin è diventata un’operazione sempre meno remunerativa.

I calcoli crittografici necessari per estrarre la criptovaluta dal suo blocco richiedono una potenza di calcolo molto elevata, “costringendo” i minatori a utilizzare componenti sempre più avanzate e potenti. Ciò ha avuto due effetti “collaterali”: da un lato,

le schede video (necessarie per il GPU computing) sono diventate merce rara e sempre più costose; dall’altro i consumi energetici sono aumentati a dismisura, tanto che il consumo quotidiano per produrre Bitcoin è paragonabile a quello di uno stato come Serbia o Danimarca.

Dove comprare Bitcoin e altre criptovalute in contanti

Fonte

Dove comprare Bitcoin e altre criptovalute in contanti

Dove comprare Bitcoin e altre criptovalute in contanti

Ciò non vuol dire, però, che sarete costretti a rinunciare alla corsa all’oro del XXI secolo. Se volete dei Bitcoin – o qualunque altro altcoin

potrete mettere mani al portafogli e acquistarli sul mercato valutario. Sia la criptomoneta creata da Satoshi Nakamoto, sia altre criptovalute come Ethereum, IOTA e Ripple,

sono finanziariamente considerate alla stregua delle valute “ordinarie” e oggetto di contrattazione quotidiana tramite apposite piattaforme di trading Bitcoin.

Se volete comprare Bitcoin sarà sufficiente individuare la piattaforma exchange che maggiormente si addice alle vostre esigenze e creare un account.

A quel punto, dopo aver collegato un conto corrente o aver effettuato un deposito, potrete iniziare ad acquistare Ethereum, IOTA o qualunque altra valuta virtuale sia creata e messa in circolazione grazie a un’ICO (acronimo di Initial Coin Offering, offerta iniziale di valuta in italiano).

Il mining, insomma, non è l’unico mezzo per mettere le mani sulle criptovalute: basta scoprire dove comprare Bitcoin e il gioco è fatto.

Coinbase

Fondata nel 2012 negli Stati Uniti, Coinbase è l’ennesimo unicorno della Silicon Valley. Oggi è attiva in 32 Paesi, ha oltre 10 milioni di utenti iscritti e ha fatto registrare operazioni per un controvalore superiore ai 50 miliardi di dollari.

Due i fattori, tra molti altri, che hanno favorito il successo di Coinbase: l’affidabilità e la semplicità d’uso.

Caratterizzata da un’interfaccia utente molto intuitiva, permette di comprare Bitcoin, Ethereum e LiteCoin nel giro di pochissimi click: dopo aver creato un account (verificando la propria identità con un documento) ed effettuato un accredito sul conto online (via bonifico o carta di credito), sarà possibile iniziare a fare trading di criptovalute.

Certo, alcuni utenti più smaliziati potrebbero ritenerla povera di funzionalità avanzate, ma ha tutto quello di cui si ha bisogno per muovere i primi passi nel mondo delle valute digitali. Per ogni operazione trattiene una commissione del 3,99%.

Dove comprare Bitcoin e altre criptovalute in contanti

Kraken

Ritenuta una delle piattaforme di exchange Bitcoin più sicure (per alcuni, addirittura la più sicura in assoluto), Kraken unisce alla facilità d’uso di Coinbase un certo grado di libertà per l’utente.

Creando un account su Kraken si potranno fare operazioni su circa 20 criptovalute: si potranno comprare Bitcoin, Ethereum, DASH, EOS e altre monete digitali frutto di ICO andate a buon fine.

Da parte sua, l’utente potrà impostare diversi parametri e regole prima di effettuare l’acquisto o la vendita delle monete presenti nel suo wallet: in questo modo potrà massimizzare i guadagni in maniera automatizzata, senza esser costretto a seguire costantemente l’andamento del mercato delle criptovalute.

Le commissioni sono calcolate su ogni singola operazione (sia per chi deve comprare Bitcoin sia per chi deve vendere Bitcoin) e variano a seconda del volume di scambio che si vuole realizzare.

Dove comprare Bitcoin e altre criptovalute in contanti

Bitfinex

Al momento è la piattaforma di exchange Bitcoin e criptovalute più utilizzata al mondo. Ogni giorno Bitfinex processa operazioni di compravendita per un controvalore di svariati miliardi di euro e consente l’acquisto di decine di criptovalute differenti.

Oltre ai “soliti” Bitcoin ed Ethereum, Bitfinex è tra le poche piattaforme exchange dove comprare IOTA, EOS o DATA: insomma,

una sorta di “supermercato” delle criptovalute sempre attivo e caratterizzato da alti livelli di sicurezza (tra le altre misure, l’autenticazione a doppio passaggio e un processo di verifica dell’identità molto meticoloso e puntuale).

Come visto già con Kraken, anche Bitfinex offre diverse funzionalità avanzate, che consentono di fare trading Bitcoin impostando valori di acquisto o vendita preimpostati.

L’obiettivo, insomma, è quello di massimizzare i profitti senza che l’utente sia costretto a seguire il valore del mercato.

BitStamp

Piattaforma di exchange Bitcoin britannica, BitStamp è particolarmente consigliata per chi vuole comprare Bitcoin dall’Europa.

A differenza delle altre piattaforme viste sinora, infatti, BitStamp offre commissioni molto vantaggiose per i cittadini del Vecchio Continente: il deposito via conto corrente è gratuito, mentre sui depositi con carta di credito è del 5%.

Il trading tra le varie criptovalute supportate da questa piattaforma exchange, invece, è totalmente gratuito: se si decide di comprare Ethereum e vendere Bitcoin (o il contrario) non si dovrà pagare nulla.

The Rock Trading

The Rock nasce in Italia nel 2007 come società di servizi per Second Life, celebre videogame online che consentiva di creare un avatar virtuale cui far vivere (per l’appunto) una seconda vita.

Dopo che il gioco è caduto in disgrazia, la società si è reinventata creando una delle piattaforme di exchange Bitcoin e altre criptovalute e cambiando nome in The Rock Trading.

A favorirne la diffusione troviamo la facilità d’utilizzo, gli ottimi standard di sicurezza e uno schema di commissioni facile da capire (si parte da una commissione dello 0,20% fino ad arrivare allo 0,02% a seconda del volume di transazioni che si accumulano su base mensile).

AMCOMPUTERS

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Lascia un commento