Nuova tecnologia per i TV 3D senza occhiali Home3D

Nuova tecnologia per i TV 3D senza occhiali

Nuova tecnologia per i TV 3D senza occhiali Home3D

Il Computer Science ad Artificial Intelligence Lab (CSAIL) del MIT ha sviluppato una nuova tecnologia per la visione dei video in 3D. Home3D si presenta come una soluzione per la visione di contenuti in 3D dimensioni entro le mura domestiche e senza gli appositi occhiali. Normalmente i contenuti 3D sono del tipo stereoscopico: la tridimensionalità viene generata tramite due immagini, una per l’occhio destro e l’altra per l’occhio sinistro. Gli occhiali (attivi o passivi) servono proprio ad alternarle dal punto di vista dello spettatore, in modo da generare l’impressione di una profondità o di oggetti che escono dallo schermo.

Nuova tecnologia per i TV 3D senza occhiali Home3D

Nuova tecnologia per i TV 3D senza occhiali Home3D

Home3D si basa su un algoritmo che converte i contenuti stereoscopici in un formato “multi-view”. Vengono quindi generate tre o più immagini in modo da ricreare un effetto 3D automultiscopico, ovvero senza occhiali e con la possibilità di percepire la tridimensionalità da varie angolazioni (il ridottissimo angolo di visione è un limite per tutti gli attuali schermi 3D autostereoscopici). Il grande vantaggio fornito da Home3D consiste quindi nel fatto che non occorre modificare il materiale di partenza: qualsiasi contenuto stereoscopico può essere adattato per la visione senza occhiali.


Attualmente il sistema può effettuare le elaborazioni in tempo reale praticamente su qualsiasi tipo di dispositivo dotato di un GPU dedicata. I ricercatori sono comunque convinti di poterlo rendere perfettamente funzionante anche sui SoC presenti nei TV in commercio. Potremmo quindi assistere al vero debutto dei TV 3D senza occhiali

Toshiba è una delle poche aziende a puntare sul 3D autostereoscopico. Ma come funziona? Com’è possibile far vedere immagini 3D senza occhiali?

3D attivo, 3D polarizzato e, tra un anno al massimo, anche senza occhiali: questa la proposta di Toshiba per la visualizzazione di immagini stereoscopiche. Se le prime due tecnologie sono ormai “assodate”, qualche mistero in più cela invece la tecnologia autostereoscopica, quella senza occhialini.

AMCOMPUTERS

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Lascia un commento