Finta app di WhatsApp Pink e un Pericoloso Virus

Finta app di WhatsApp Pink e un Pericoloso Virus Attenzione!!!!

Finta app di WhatsApp Pink e un Pericoloso Virus

chiamata WhatsApp Pink ed è una app fake che contiene

al suo interno un virus molto pericoloso.

Pertanto, L’ha scoperta un ricercatore di sicurezza informatica

dove WhatsApp Pink sta circolando il nome Rajshekhar Rajaharia.

Tuttavia, Secondo Rajaharia questa finta app di WhatsApp

sta circolando particolarmente nei gruppi WhatsApp

 

dove viene diffusa tramite un link che punta ad uno store di app per Android non ufficiale.

Inoltre, Il ricercatore ha diffuso su Twitter, oltre alla notizia, anche un video in cui un altro

ricercatore mostra il funzionamento dell’app pericolosa e il messaggio inviato ad altri

 

Dopodichè, ancora Rajaharia ha pubblicato alcuni consigli da mettere in atto nel

malaugurato caso in cui l’app sia stata già installata sullo smartphone.

Finta app di WhatsApp Pink e un Pericoloso Virus

Fonte

Finta app di WhatsApp Pink e un Pericoloso Virus Attenzione!!!!

 

In altre parole, dopo l’installazione la Finta app di WhatsApp Rosa invece di cambiare

colore a WhatsApp prende velocemente il possesso del nostro smartphone e mette

in atto una serie di accorgimenti per rendere più difficile la sua rimozione.

 

Inoltre, dopo l’istallazione WhatsApp Pink nasconde la sua icona e prende possesso

della nostra rubrica e comincia a inviare un messaggio tramite la vera app di WhatsApp

a tutti i nostri contatti e all’interno dei gruppi ai quali siamo iscritti.

Il messaggio è il vero metodo di diffusione di questo virus.

 

Finta app di WhatsApp Pink e un Pericoloso Virus

In conclusione, ricordiamo che L’app di WhatsApp Rosa infatti, non si trova sul Play Store

ma solo su store alternativi e poco sicuri.

 

Finta app di WhatsApp Pink e un Pericoloso Virus

A questi store puntano i link contenuti nei messaggi inviati da WhatsApp Rosa

L’app fake, poi, inizia a raccogliere una gran quantità di dati dell’utente e, come tutti

gli “infostealer“, va in cerca dei dati di accesso alle banche online.

AMCOMPUTERS

[Voti: 1   Media: 5/5]

Lascia un commento