La eSIM Card arriva in Italia: cosa sono e come funzionano

La eSIM Card arriva in Italia: cosa sono e come funzionano

La eSIM Card arriva in Italia: cosa sono e come funzionano

In pratica al posto della classica schedina

che nel tempo se ci fate caso è diventata sempre più piccola

avremo un microscopico dispositivo capace di contenere tutti i dati

sinora conservati all’interno della classica tesserina di plastica.

Tuttavia le eSIM card non sono una vera e propria novità.

Dispositivi simili sono già in uso su smartphone e tablet

 

solo che non ricoprono la funzione di sostituire una SIM

ma vengono usate per salvare dati utili all’uso del telefono.

Nessun problema per quanto riguarda il codice ICCID

ovvero quello che identifica univocamente la SIM ed è utilizzato

in fase di passaggio da un operatore all’altro

anche questo potrà essere inserito nelle SoftSIM, o eSIM Card.

La eSIM Card arriva in Italia: cosa sono e come funzionano

Fonte

La eSIM Card arriva in Italia: cosa sono e come funzionano

Il consumatore con questo sistema accorcerà i tempi necessari nel cambio d’operatore

in quanto non dovrà più sostituire la scheda fisica in plastica.

Basterà una chiamata al servizio clienti per spostare i propri dati sulla nuova utenza.

In questo modo si eviterà anche di perdere i numeri di telefono salvati sulla SIM

e non trasferiti prima del cambio d’operatore.

 

Inoltre capita Spesso che la scheda del vecchio telefono non è compatibile con il nuovo

(in base alla grandezza, Normale, Micro o Nano).

E bisogna recarsi dal nostro operatore per richiederne una nuova.

Operazione che oltre tempo costa anche denaro.

Con le eSIM Card questi passaggi verranno annullati.

 

Tra i device che sfrutteranno le eSIM Card troviamo Samsung Galaxy Watch, Pixel

iPad ultime versioni, tutti i recenti iPhone XR, XS e 11

e il nuovissimo Motorola RAZR che, a differenza di tutti gli altri

non ha fisicamente lo slot SIM ma utilizza solo ed esclusivamente eSIM

TIM dovrebbe annunciare le sim elettroniche la prossima settimana

e Vodafone non dovrebbe tardare molto, permettendo a tutti i possessori di device

compatibili di attivare una seconda linea telefonica

virtuale senza necessariamente avere uno slot Dual SIM fisico.

AMCOMPUTERS

[Voti: 2   Media: 5/5]

Lascia un commento