Microsoft OneDrive: rimuove il limite di 15GB per i file

Microsoft OneDrive: rimuove il limite di 15GB per i file

Microsoft OneDrive: rimuove il limite di 15GB per i file

Arrivano numerose ed importanti novità per OneDrive

il servizio di cloud storage di Microsoft che da Aprile

supporta lo sblocco con il volto sugli smartphone Android 10.

Pertanto, sul blog ufficiale dell’azienda di Redmond le notizie

includono cambiamenti rivolti agli utenti aziendali e private

Tra questi troviamo ad esempio il supporto alla modalità scura sul web

(già presente su Android da diversi mesi)

aumento del limite per l’upload dei file da 15 a 100GB e tanto altro ancora.

Microsoft OneDrive: rimuove il limite di 15GB per i file

Fonte

Microsoft OneDrive: rimuove il limite di 15GB per i file

In altre parole, Microsoft OneDrive passa da 15 GB a 100 GB

di spazio di archiviazione file completamente Gratis

ecco le novità apportante su Microsoft OneDrive

 

  • OneDrive: nuova funzionalità che semplifica l’aggiunta di cartelle e contenuti condivisi da altri utenti OneDrive e possono far parte della libreria condivisa in Microsoft Teams o SharePoint.
  • Condivisione file su Microsoft Teams: su Microsoft Teams sarà presto possibile ottenere la medesima esperienza di condivisione già presente su OneDrive. Gli utenti potranno ad esempio creare collegamenti di condivisione, fornire l’accesso a determinate persone e altro ancora.
  • Supporto dei metadati sincronizzati:
  • Spostare e mantenere la condivisione
  • Aumento limite dimensioni file:
  • Disattivazione notifiche commenti:
  • Condivisione dalla barra degli indirizzi:
  • Miglioramento protezione dei file:
  • Modalità scura per la versione web

 

In conclusione, Microsoft aumenta il limite di dimensioni dei file da 15 a 100GB.

La sincronizzazione differenziale accelererà il processo di upload dei file di grandi

dimensioni grazie alla sincronizzazione delle sole parti oggetto di modifica

piuttosto che dell’intero file.

 

Il vero punto di forza di Microsoft OneDrive e la protezzione dei file con alta criptografia

l’utente puo rimanere tranquillo poichè i sui file sono completamente al sicuro

Dopo questa decisione di Microsoft dobbiamo aspettarci una risposta immediata

da Google con la sua piattaforma icloud Google Drive

AMCOMPUTERS

[Voti: 1   Media: 5/5]

Lascia un commento