Attacco hacker mondiale virus che chiede il riscatto

Attacco hacker mondiale virus che chiede il riscatto

Attacco hacker mondiale virus che chiede il riscatto
Un maxi attacco hacker ha colpito i computer di mezzo mondo. L’attacco informatico ha riguardato numerose organizzazioni e aziende in diversi Paesi. Sugli schermi dei computer presi di mira appare un messaggio che chiede un riscatto in bitcoin. Una schermata minaccia l’utente: “I tuoi dati andranno persi per sempre se non paghi un riscatto”. Secondo la Bbc ci sono stati casi in Spagna (colpita la telco Telefonica), Italia, Portogallo, Russia, Ucraina, Taiwan, Cina, Usa, Vietnam. In Gran Bretagna sono stati infiltrati i sistemi informatici di diversi ospedali.

Il ransomware WannaCry
Secondo gli esperti citati dalla Bbc sono stati rilevati più di 50mila attacchi di un ransomware chiamato “WannaCry” (voglio piangere ndr.). L’attacco, dicono i ricercatori, sarebbe “enorme”. Per quanto riguarda l’Italia, sono state diffuse immagini che mostrano i computer del laboratorio di una università bloccati dal programma di ransomware. I portafogli di bitcoin apparentemente associati con il ransomeware stanno intanto già incassando. Alcune fonti hanno dichiarato che per lanciare l’attacco potrebbe essere stata usata una cyber-arma dell’Nsa.

Attacco hacker mondiale virus che chiede il riscatto

Attacco hacker mondiale virus che chiede il riscatto

Una falla del sistema operativo
Secondo gli esperti, l’attacco ransomware utilizzerebbe una falla presente nell’Smb Server di Windows, che Microsoft ha già risolto del marzo scorso. Ciò significa che i computer delle aziende non venivano aggiornati da almeno un paio di mesi ed erano esposti a tutte le forme possibili di attacco. Ancora una volta le aziende si rivelano vulnerabili agli attacchi degli hacker a causa della poca conoscenza dell’argomento.

Pagare il riscatto
Finora ancora non sono ben chiare le dinamiche dell’attacco e come sia riuscito a diffondersi in così poco tempo, ma è probabile che la causa principale sia qualche e-mail phishing che ha convinto i dipendenti delle aziende a premere su qualche link. Se il computer viene infettato, l’unico possibilità per riavere indietro i propri dati è pagare il riscatto. Ma anche pagando, non è detto che gli hacker mantengano la parola e sblocchino il computer. Quindi, è preferibile temporeggiare e sperare che qualche esperto di cybersicurezza riesca a decriptare il ransomware e rilasci una chiave per “liberare” i computer.
Difendersi dall’attacco
Per chi ha paura di essere colpito dal ransomware il consiglio è quello di scaricare la patch MS17-010 e di installarla sul proprio computer. In questo si è immune dall’attacco Wannacry, che migliaia di vittime sta facendo in tutto il Mondo

AMCOMPUTERS

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Lascia un commento