Digital Projection presenta un display MicroLED modulare

Digital Projection presenta un display MicroLED modulare

Digital Projection presenta un display MicroLED modulare

Digital Projection ha presentato Radiance LED al CEDIA 2017 di San Diego. Questo prodotto è un display MicroLED concettualmente simile al CLEDIS di Sony e al Cinema LED Screen di Samsung. Parliamo quindi di schermi capaci di emettere luce direttamente. Radiance LED è composto da moduli che misurano 60 x 34 centimetri (quindi con rapporto d’aspetto in 16:9). I singoli moduli possono essere composti per formare schermi di varia grandezza.

Attualmente i moduli sono caratterizzati da un “pixel pitch” (genericamente indicato come il passo, ovvero la distanza tra i pixel) di 2,5, 1,9 o 1,5 millimetri e da una luminosità di 1.000 cd/m2 – nits. Moduli con pixel pitch di 1,2 mm e luminosità di 900 cd/m2 – nits non tarderanno ad arrivare.

A controllare i moduli è un processore che consente anche di calibrare l’intero display. Ogni modulo è a sua volta suddiviso in quattro pannelli facilmente sostituibili. I segnali vengono inviati dal processore tramite HDMI 2.0. Al momento manca il supporto a HDR (High Dynamic Range), ma la sua introduzione è già prevista.

Digital Projection presenta un display MicroLED modulare

Fonte

Digital Projection presenta un display MicroLED modulare

Gli esemplari in mostra al CEDIA sono due: il primo è un 137″ in 16:9 con pixel pitch di 1,5 mm. Il costo di questo sistema ammonta a 135.000 dollari. Il secondo esemplare è definito “infinity wall”: il display misura 5,5 metri in larghezza e 1,07 metri in altezza. Il pixel pitch è di 1,9 mm. Le impressioni di chi ha potuto vedere i Radiance LED sono molto positive. I punti di forza sono gli stessi già apprezzati sui CLEDIS e sui Cinema LED Screen  acronimo di Crystal LED Integrated Structure. La tecnologia è concettualmente simile ad un prototipo mostrato al CES 2012. Ci riferiamo al TV Crystal LED da 55″, un esemplare dotato di triplette di LED RGB per ciascun pixel. Non si trattava quindi di un LCD, bensì di un display “self-emitting”

AMCOMPUTERS

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Lascia un commento