Microsoft Lite OS IL rivale di Chrome OS

Microsoft Lite OS IL rivale di Chrome OS

Microsoft Lite OS IL rivale di Chrome OS, il nuovo sistema operativo denominato “Lite OS“ con interfaccia simile a Windows per tutti i Device

Microsoft lancia la sfida a Chrome con il suo nuovo sistema chiamato Microsoft Lite OS, o Windows Lite, Al momento il sistema esegue solo app UWP e PWA (Progressive Web App), ma Microsoft sta studiando come implementare il supporto alle vecchie Win32; le due possibilità più gettonate sono una completa inclusione in un container dedicato, l’altra lo streaming via cloud.

In ogni caso, al momento per Microsoft la priorità è la massima semplicità di gestione e utilizzo – di nuovo, ispirandosi a Chrome OS. Ci saranno comunque funzioni come Esplora File e la gestione delle finestre tradizionale.

L’azienda di Redmond ha in preparazione un sistema operativo che dovrebbe essere denominato “Lite OS“, abbandonando del tutto il nome “Windows” e parte delle sue funzionalità.

Secondo Brad Sams, normalmente molto affidabile su questioni che riguardano Microsoft, l’azienda sta lavorando alacremente per avere quanto prima il nuovo sistema. A suo dire Microsoft comincerà a parlare del nuovo sistema in primavera, probabilmente in concomitanza della Build conference di maggio e predisporre una fase di test più ampia per l’estate

Microsoft Lite OS IL rivale di Chrome OS

Fonte

Microsoft Lite OS IL rivale di Chrome OS

L’interfaccia utente sarà simile a Windows ma non sarà identica. Il mockup che vedete qui allegato è un esempio di come dovrebbe apparire il sistema.

Obiettivo di Microsoft è ottimizzare il sistema per dispositivi entry-level ma il target sono anche gli utenti più esperti.

una piattaforma per app comune disponibile su tutti i dispositivi che eseguono Windows 10 e che offre un’API di base garantita in tutti i dispositivi adattando l’interfaccia utente a dimensioni dello schermo, risoluzioni e DPI vari.

Microsoft sta valutando se consentire o no il supporto alle applicazioni Win32.

Tra le ipotesi allo studio un processo di containerizzazione delle applicazioni ma anche lo streaming.

Al momento l’obiettivo principale è semplificare l’interazione e le procedure di manutenzione

senza complicare troppo la vita agli utenti che altrimenti sceglierebbero dispositivi con Windows 10.

AMCOMPUTERS

[Voti: 0   Media: 0/5]

Lascia un commento