Virus Kernsomware che cripta i file e chiede un riscatto

Virus Kernsomware che cripta i file e chiede un riscatto

Virus Kernsomware che cripta i file e chiede un riscatto

Alcuni hacker Italiani stanno colpento aziende e privati

con virus di tipo “ransomware“, che criptano i file dei dispositivi

per poi chiedere un riscatto alla vittima.

Chi non paga perde l’accesso ai file un malware Made in Italy

In altre parole, Si tratta del terzo ransomware sviluppato in Italia

dopo Ransomware2.0 e Fuckunicorn, e a scoprirlo Malware Hunter Team.

 

Tuttavia, Dopo una analisi del codice effettuata dal Computer Emergency Response Team

dell’AgID (l’Agenzia per l’Italia Digitale) si è scoperto che, in realtà, Kernsomware

è ancora una bozza e non è pronto a colpire.

 

Il Virus Kernsomware dispone di tutte le funzioni per il corretto funzionamento

appositamente introdotti per testare il processo di cifratura sul sistema

Virus Kernsomware che cripta i file e chiede un riscatto

Fonte

Virus Kernsomware che cripta i file e chiede un riscatto

 

In altre parole, Secondo gli esperti del CERT-AGID Kersonware è un malware originale

che non presenta affinità con i precedenti Ransomware2.0 e Fuckunicorn

se non nel fatto che è scritto in .NET, come gli altri due.

 

Virus Kernsomware che cripta i file e chiede un riscatto

Un nuovo virus Made in Italy è chiaro che anche in Italia ormai sempre più persone hanno

competenze sufficienti a scrivere codice malevolo ed è altrettanto chiaro

che vogliano usarle per estorcere denaro alle vittime.

 

Pertanto, il virus Kernsomware la vittima avrà 2 ore di tempo (il timer di cui sopra)

per pagare un riscatto pari a 300 dollari (ovviamente in Bitcoin).

Se non paga tutti i file verranno cancellati.

 

Virus Kernsomware che cripta i file e chiede un riscatto

Sempre dal codice si evince che il creatore del virus abbia preparato un canale di

comunicazione via email, per permettere lo scambio di messaggi tra vittima e hacker

attraverso cui l’hacker può inviare una password per sbloccare i file.

AMCOMPUTERS

Lascia un commento