Microsoft cambia Black Screen of Death BSOD

Microsoft cambia Black Screen of Death BSOD

Microsoft cambia Black Screen of Death BSOD su Windows

La schermata più temuta del sistema di Microsoft

è pronta a cambiare veste: via il blu per il nero

Black Screen of Death BSOD tra le novità di Windows 11

Tuttavia, per decenni, BSOD è stato l’acronimo

della Blue Screen of Death di Windows

la schermata blu della morte.

 

Con Windows 11 non viene naturalmente a mancare la schermata

più temuta di tutte: ci si augura che appaia meno spesso, ma servirà comunque

a segnalare che qualcosa non è andata per il verso corretto.

 

In altre parole, A partire da Windows 11 infatti la “panic screen” cambierà colore

dallo storico blu ricorrente negli incubi dei più assidui utilizzatori del sistema operativo

di Microsoft al nero assoluto Da Blue Screen of Death a Black Screen of Death

il nuovo nome è servito e non cambia l’acronimo BSOD.

 

Il nuovo colore della schermata rappresenta certo uno dei cambiamenti minori introdotti

da Windows 11 rispetto al predecessore, a fronte di novità importanti che coinvolgono

l’intero sistema operativo, dall’interfaccia alle funzionalità passando per le tecnologie.

Microsoft cambia Black Screen of Death BSOD su Windows

Fonte

Microsoft cambia Black Screen of Death BSOD

 

In altre parole, Un tempo c’era solamente il blu a “spaventare” il malcapitato utente

Windows, insieme a qualche informazione utile solamente ai tecnici che costringeva

a pregare che risolto il problema non si fosse perso per sempre più di qualche dato.

 

Con gli anni, Microsoft l’ha resa sempre più utile ad avere una prima diagnosi

dell’inconveniente, anche a coloro che non avessero particolari nozioni di informatica

 

Microsoft cambia Black Screen of Death BSOD su Windows

è arrivato il QR code, da inquadrare con un dispositivo per arrivare su una pagina specifica

di spiegazione del crash, se a causa di un driver mancante o danneggiato, se per un

problema hardware o per le ragioni più disparate.

AMCOMPUTERS