Virus email Agenzia delle Entrate: rischio Dati personali

Virus email Agenzia delle Entrate: rischio Dati personali

Virus email Agenzia delle Entrate: rischio Dati personali

Si tratta di una nuova truffa informatica

progettata regola d’arte A segnalarla è il Cert-Pa

il Computer Emergency Response Team

Attraverso una campagna di spam si sta diffondendo

il ransomware Maze che si presenta come una comunicazione

ufficiale dell’Agenzia delle Entrate.

Secondo  Il messaggero Il pericolo non è contenuto nella comunicazione

che copia il logo istituzionale dell’Erario, ma nell’allegato:

è un file Word dal nome VERDI.doc, se aperto fa scaricare Maze.

Virus email Agenzia delle Entrate: rischio Dati personali

Fonte

Virus email Agenzia delle Entrate: rischio Dati personali

Tuttavia, Maze, un virus che prende in ostaggio i dispositivi

cripta i file contenuti e per riaverli bisogna pagare un riscatto ai cybercriminali.

Inoltre, Tra i file cifrati, infatti, ne compare uno denominato DECRYPT-FILES.txt

contenente le istruzioni per pagare il riscatto e acquistare la chiave privata

necessaria per decriptare i file.

Per cercare di sembrare più verosimile, il messaggio che distribuisce Maze

si appoggia a tre domini, registrati pochi giorni fa

 

in altre parole si tratta di agenziaentrateinformazioni.icu

agenziaentrate.icu e agenziainformazioni.icu.

Al momento non è stato creato uno strumento per difendersi

serve dunque la prevenzione per difendersi dal Virus email Agenzia delle Entrate

 

Tuttavia, Il primo passo è aggiornare sia l’antivirus sia il sistema operativo

oltre ovviamente alla versione di Flash Player installata sul computer

visto che Maze sfrutta proprio una vulnerabilità presente in queste software Adobe.

Tuttavia, è importante eseguire periodicamente un backup dei dati

cioè una copia dei propri file da ripristinare in caso di attacco.

In conclusione verificare che ogni email arrivi veramente dal mittente indicato:

nel caso specifico, i domini usati non fanno capo all’ Agenzia delle Entrate.

 

Come difendersi Virus email Agenzia delle Entrate

Verifica il mittente e fai attenzione al testo della email:

nella maggior parte dei casi le email sospette provengono da indirizzi inverosimili

e contengono messaggi con errori di ortografia.

Inoltre spesso hanno un tono perentorio e invitano l’utente all’azione

minacciando la sospensione di un account o la chiusura

di un conto in caso di mancata risposta.

Tuttavia, Non aprire gli allegati e non cliccare sui link:

Installa un antivirus sul tuo computer: oramai quasi tutti gli antivirus

hanno una protezione anti-phishing che avvisa del pericolo

e blocca le minacce informatiche.

AMCOMPUTERS

[Voti: 2    Media Voto: 5/5]

Lascia un commento